MdS Editore
Venerdì, Ottobre 20, 2017
Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente
Password *
Ricordami
Daria Bongiorni

Daria Bongiorni

Ciao, sono Daria, dall’Emilia con furore. Sono un’appassionata di moda, che nella vita studia cinema. E che cura un blog (www.pollywantsablog.com). Mi definirei una giovane confusa aspirante giornalista. Sara Ferraioli ha frugato nel mio cervello e ha tirato fuori una rubrica che parla di moda nel cinema. In fondo, la moda come la conosciamo noi oggi, fatta di tormentoni, di copiature e di storpiature, è nata proprio grazie al cinema. Fin dagli albori del cinema muto le giovani borghesi correvano dalla sarta di fiducia per farsi confezionare il vestito dell’ultimo film con la divina Greta Garbo e gli uomini tentavano di sedurre le donne “alla Valentino”. Per non parlare poi di icone come Audrey Hepburn e Brigitte Bardot, che hanno spopolato con i loro look anche fuori dal set. Proprio dalla bellissima Bardot, per me icona per eccellenza, ho preso spunto per il titolo della mia rubrica; “Moi je joue”, io gioco, è il titolo di una delle sue canzoni più famose e credo che renda perfettamente l’idea di quello che propongo: giocare con moda e cinema, creare stili, farvi conoscere nuove possibili tendenze attraverso i film divertendovi. Spero.

daria.bongiorni@mdseditore.it
PATRIZIA PEPE Criminal Aesthetic Fashion Soundsystem DANIEL GONZALEZ - 5.0 out of 5 based on 2 reviews

Nomi a caso? Sono forse impazzita? Sono solo felice di aver incontrato i due bellissimi coniugi fondatori della casa di moda Patrizia Pepe, Patrizia Bimbi e Claudio Orrea, e l’eclettico artista argentino Daniel Gonzalez. L’evento paranormale è avvenuto mercoledì 21 novembre presso la sede principale del brand a Capalle (FI) in occasione dell’inaugurazione della mostra dal nome più lungo della storia Criminal aesthetic fashion soundsystem.

Criminal Aesthetic Fashion Soundsystem è la mostra che verrà inaugurata il 20 novembre 2013 nell’head quarter di Patrizia Pepe - 5.0 out of 5 based on 2 reviews

Protagonista dell’evento è l’artista argentino Daniel Gonzalez

La principessa e il ranocchio

Lunedì, 04 Novembre 2013 22:22
La principessa e il ranocchio - 5.0 out of 5 based on 3 reviews

E’ arrivato Novembre e le uniche cose a cui penso sono la copertina del mio divano e la mia collezione di tazze, possibilmente piene di cioccolata. Perché arriva il freddo, perché arriva la pioggia e perché sono pigra, non posso farci nulla. 

Il mistero di Sleepy Hollow

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 20:46
Il mistero di Sleepy Hollow - 5.0 out of 5 based on 3 reviews

Sapete già che adoro scrivere di dive e, dato il periodo stregonesco, ho deciso di dedicare i miei pensieri ad un’icona moderna di stile, cinema e chi più ne ha più ne metta: ammiro Christina Ricci fin dai tempi in cui era la piccola e cinica Mercoledì ne La famiglia Addams. 

Io e Annie

Venerdì, 20 Settembre 2013 20:13
Io e Annie - 5.0 out of 5 based on 3 reviews

Qualche anno fa mi ritrovai a dover scegliere un abbigliamento per una festa di laurea a tema hollywoodiano, ovviamente tutti i personaggi migliori e più semplici da realizzare erano già stati presi: Holly di Colazione da Tiffany, Mia Wallace e Vincent Vega di Pulp Fiction, una bond girl accessoriata del suo 007, Ariel e Ren di Footloose, due figuranti hippy di Hair, Gesù di Jesus Christ Superstar, il Drugo del Grande Lebowski. Allora mi misi a cercare tra le classifiche dei personaggi più famosi del cinema e i vestiti più famosi del cinema trovando con mio grande stupore qualcosa di insolito: Annie Hall.

Che fine ha fatto Harold Smith?

Lunedì, 02 Settembre 2013 00:12
Che fine ha fatto Harold Smith? - 5.0 out of 5 based on 4 reviews

Quante cose può raccontare un film, tutto si può rappresentare attraverso delle foto messe in fila a formare una pellicola. Puoi scegliere la fantascienza per rappresentare ciò che in natura sarebbe impensabile trovare, puoi mostrare la cruda realtà, puoi decidere di dedicarti a un uomo che riesce a far fluttuare oggetti per aria, come Harold Smith e a suo figlio Vince, che invece decide di unirsi al movimento punk. Una storia a metà tra il surreale e la drammatica realtà. Sto parlando di “Che fine ha fatto Harold Smith”, un film del 1999 diretto da Peter Hewitt, che di certo non si merita l’Oscar, ma un piccolo posticino in una rubrica particolare sì.

Amici di letto

Venerdì, 02 Agosto 2013 13:08
Amici di letto - 5.0 out of 5 based on 6 reviews

Non sono un’esperta di sesso e non sono un’esperta d’amore, ma c’è una cosa che conosco bene: le delusioni. Non è un guaio non riuscire ancora a trovare l’uomo giusto, ma è un grande casino quando quello perfetto per te ti scivola dalle mani e recuperarlo è molto difficile. Per non parlare del classico tradimento o del non-sei-tu-sono-io-devo-solo-stare-un-po’-solo. Queste situazioni, purtroppo, accomunano me ad una grande porzione di donne. E anche a molti uomini. Subentrano nella nostra mente diverse domande: Sono destinato alla solitudine? Sono destinato alla sofferenza? Farò mai più sesso?

THE DAY AFTER TOMORROW

Martedì, 23 Luglio 2013 22:28
THE DAY AFTER TOMORROW - 5.0 out of 5 based on 1 review

Come ho scritto più volte, la moda non è composta esclusivamente da vestiti o da un gregge di ragazzine che segue la vip vestita meglio. La moda è passione per qualcosa che può unire gruppi di persone. Oggi mi aiuta The day after tomorrow (2004), di Roland Emmerich, a consigliare una nuova tendenza.

Hysteria

Venerdì, 07 Giugno 2013 18:03
Hysteria - 5.0 out of 5 based on 5 reviews

L’emancipazione della donna è un tema da tempo scottante. Dalla fine del ‘700 si avvertono i primi echi di quel femminismo che farà tanta strada, ma che già bolle in pentola da un po’.

Voglio, per questa volta, soffermarmi sulla donna del 1880, che pian piano prende coscienza di sé. In senso letterale. La rivalsa femminile passa attraverso la conoscenza del proprio corpo e soprattutto la scoperta che anche la donna, come l’uomo, può provare piacere. Magari è un processo più difficile, ma si sa, non esiste nessuna femmina facile.

La figlia del vento

Giovedì, 16 Maggio 2013 19:17
La figlia del vento - 5.0 out of 5 based on 5 reviews

Non solo il ceto sociale e l’epoca in cui si cresce determinano il modo in cui le tendenze del momento influenzano le persone. Il luogo in cui si vive è fondamentale, le differenze tra nord e sud sono sempre notevoli, anche negli Stati Uniti. Ovviamente mi riferisco ai tempi in cui internet non influenzava velocemente i giovani.

Pagina 5 di 7